Come creare un nuovo indirizzo mail e perché sul tuo dominio è meglio

Così non hai ancora un casella mail e vuoi sapere come creare un indirizzo mail? Sono qui apposta per spiegarti come creare un nuovo indirizzo mail e perché sul tuo dominio è meglio per avere un’immagine migliore e per evitare seccature successive.

Non starò a chiederti come mai non hai ancora un indirizzo mail ma sicuramente avrai i tuoi ottimi motivi, però se hai deciso di creare un nuovo indirizzo mail e hai qualche dubbio su come procedere, questa guida è scritta apposta per te.

Segui i miei consigli e sicuramente prenderai la decisione corretta senza commettere errori che pagheresti dopo quando sarà troppo tardi per tornare indietro.

Anche perché come creare un indirizzo mail è veramente facile.

Cominciamo dall’inizio.

Hai due possibilità:

  1. Registrare un tuo dominio e creare una, o più, caselle mail su quel dominio.
  2. Creare una casella su Gmail, Yahoo o Outlook.

Le differenze tra una mail gratuita e una mail personalizzata

  1. Se hai un tuo dominio puoi avere una casella personale come vuoi tu.
    Se ti chiami Mario Bianchi puoi registrare bianchi.com o mariobianchi.com per esempio e creare una casella come mario@bianchi.com o info@mariobianchi.com.
    Se crei una casella nuova su Gmail o su uno degli altri servizi come Yahoo o Outlook invece devi prendere quello che è libero, quindi mariobianchi@gmail.com puoi pure scordartelo; probabilmente sarà libero qualcosa come mariobianchi63554@gmail.com che, se permetti, non è proprio bello come indirizzo mail che ti rappresenta. Personalmente puoi anche fregartene ma a livello professionale non è che da di te un impressione propriamente professionale.
  2. Le caselle mail gratuite ti danno sicuramente più spazio e più funzionalità a livello di webmail, rispetto a una casella su uno dei tanti provider come Register, Aruba, ecc.
    Se registri un dominio su register.it per esempio ti vengono regalate tre caselle mail da 2Gb (guarda invece le capienze di Gmail, Yahoo e Outlook) con anche un limite di 20 mail giornaliere che puoi spedire, sufficiente per uso personale ma non per uso professionale.
    Vero è che puoi collegare una casella di Gmail al tuo dominio personale e così hai risolto entrambi i punti. Hai una casella mail che si presenta bene e hai anche un sacco di spazio a disposizione.
    In alternativa devi aggiungere al costo annuo del dominio anche il costo di una o più caselle professionali che, per la mia esperienza però, sono sicuramente comunque meno capienti di quanto ti offre il trio Gmail, Yahoo e Outlook.

Queste sono le due valutazioni che devi obbligatoriamente fare all’inizio e andare in una direzione o nell’altra a seconda di quello che vuoi fare.

Se segui il trucchetto che ho segnalato poco sopra puoi invece avere entrambi i vantaggi a prezzo di una configurazione un filo più complicata.

Se decidi di registrare un dominio lo puoi fare con uno dei tanti provider che offrono questo servizio e magari sceglierne uno che ti da una casella mail compresa nel prezzo più corposa del normale o a costo inferiore.

Se invece decidi di creare un indirizzo mail su Gmail, Yahoo o Outlook allora clicca sui link e verrai portato all’articolo che ti spiega dettagliatamente come fare in modo da non commettere errori.

Ora intendiamoci. Molti scrivono che a livello professionale è fondamentale avere una casella mail sul tuo dominio.

Non è assolutamente vero!

È ovvio che una casella mail sul tuo dominio da di te un’impressione più professionale ma stai pur certo che non verrai giudicato per questo. Il tuo possibile cliente non sceglierà un’altro fornitore solo perché tu non hai un tuo dominio personale con una tua mail istituzionale.

Se devo scriverti e mi dai un indirizzo su Gmail, non storco il naso.

Piuttosto renditi conto di una cosa importante.

Se hai una delle millemila caselle gratuite tipo alice.it, tim.it, tiscali.it, libero.it e via di questo passo, la tua attività potrebbe risentirne perché, per tutti i problemi di cui ho già ampiamente parlato e che riguardano queste tipologie di caselle, le tue mail potrebbero non arrivare al destinatario oppure tu potresti non ricevere quelle dei tuoi corrispondenti.

E questo sarebbe un grosso problema. Non tanto il fatto di non avere un dominio personale.

Ormai la mail è uno strumento di lavoro fondamentale, quindi il fatto di non ricevere mail o non riuscire a spedirle può provocare danni non indifferenti perché tutti sono abituati a correre e si aspettano una risposta alle mail che ti inviano. Per quello dico che la scelta della casella email è fondamentale e continuo a sostenerlo.

Segui il blog perché gli aggiornamenti sono quasi quotidiani e se avrai la pazienza di leggerlo, anche saltuariamente, la tua attività potrà solo beneficiarne!

Sending
User Review
3 (1 vote)

Lascia un commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.