Cos’è un link sospetto

Vediamo di approfondire il concetto di link sospetti partendo dalla base, cioè vediamo cos’è un link sospetto.

Tempo fa avevo scritto un articolo che segnalava che da quel momento Gmail avvertiva se si stava cliccando su un link sospetto, ma cos’è un link sospetto e come si fa a scovarlo?

Un link è quello che puoi trovare in una pagina di un sito oppure all’interno di un’email e che ti porta a un determinato indirizzo internet o URL. Il link può essere

  1. un semplice testo
  2. un’immagine
  3. un pulsante

Link sospetto come testo

Il link testuale è un testo normalissimo come questo che vedi ed è formattato con il colore azzurro e la sottolineatura.

Link sospetto come immagine

Un’immagine che funge anche da link è una normalissima immagine cliccando la quale vieni portato a un indirizzo specifico. Lo noti perché passandoci sopra con il mouse il cursore si trasforma nella manina per il puntamento.

esempio di link su immagine (se clicchi vai su google.com)
esempio di link su immagine (se clicchi vai su google.com)

Link sospetto come pulsante

La terza forma è un semplice pulsante che ti porta su un indirizzo specifico come nell’esempio qui di seguito.

Il link, come ho detto, ti porta a un determinato indirizzo internet o URL, cioè l’indirizzo di un sito. Se vuoi andare sul sito delle Poste Italiane, potrai scrivere www.poste.it nella barra indirizzi del browser e finirai sul sito delle Poste oppure cercare Poste Italiane su Google e seguire il link che lui ti propone.

ricerca Poste Italiane su Google
ricerca Poste Italiane su Google

Quando un link è sospetto?

Un link è sospetto quando tenta di portarti in un sito che non è quello che ti dice. Sospetto non significa malevolo a tutti i costi perché ci possono essere dei motivi, ma in genere è una cosa da tenere controllata.

Leggi anche  Come trovare email di una persona

È il trucco più usato dai phishers che ti mandano un’email come se questa arrivasse da Unicredit – per esempio – e il sito che visiti quando clicchi sul link non è quello di Unicredit ma un link che ci somiglia per trarti in inganno.

Eccoti un esempio di link sospetto

Il tuo account Unicredit (link sospetto)

Se clicchi sul link qui sopra ti aspetti di arrivare sul sito Unicredit che è unicredit.it mentre invece arriverai al sito Apple che è apple.com.

Il tuo account Unicredit (link corretto)

Questo invece è un link corretto perché ti porta sul sito unicredit.it.

Ecco come Gmail segnala un link sospetto

segnalazione link sospetto gmail
segnalazione link sospetto gmail

Le newsletter e i link

Chi manda le newsletter periodiche si appoggia a servizi esterni che tengo traccia di quanti click sono stati fatti, dove, da chi, ecc. per fini statistici quindi può essere che il link non abbia alcun riferimento al sito in questione.

Questo è del tutto legittimo e non deve destare sospetti solo ed esclusivamente quando, alla fine, tu arrivi sul sito che corrisponde al nome dell’azienda da cui ti arriva l’email (quindi poste.it se l’email arriva da Poste Italiane, nexi.it se ti arriva da Nexi, ecc.).

In pratica il link, manda un click a un sito esterno – che tu non vedi e sul quale non vai – e poi ti porta subito al sito corretto. In questo caso il comportamento è giusto.

È sbagliato solo ed esclusivamente quando il sito sul quale atterri ha un dominio che non ha nulla a che fare con quello legittimo come negli esempi precedenti. Ecco alcuni esempi classici

  • CheBanca -> chebanca.it
  • Poste – > poste.it
  • Postepay -> postepay.poste.it
  • Unicredit -> unicredit.it
  • Ubibanca -> ubibanca.it
  • Intesa Sanpaolo -> intesasanpaolo.com
  • Nexi -> nexi.it
  • Mastercard -> mastercard.it
Leggi anche  Come usare Gmail con il proprio dominio internet

e via di questo passo. Non posso elencare tutte le banche o le finanziarie italiane, ma se hai dei dubbi e vuoi controllare basta che fai una ricerca su Google dell’azienda in questione e vedrai subito quale è il suo link corretto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.