Come evitare le truffe su Facebook

Truffe su Facebook, come evitarle ti spiega in modo semplice e chiaro come riconoscere ed evitare qualsiasi tipo di truffa su Facebook.

Truffe su Facebook
Come evitare le truffe su Facebook 4

Le truffe su Facebook non sono solo quelle relative a Marketplace, che è il luogo dove è possibile vendere e comprare oggetti di qualsiasi tipo, ma anche e soprattutto le inserzioni sponsorizzate o i post o le pagine che reclamizzano un’attività di vendita.

Truffe su Facebook Marketplace

Diciamo che quelle sul marketplace sono sicuramente le più frequenti e comuni. Qualcuno mette in vendita un oggetto che tu desideri acquistare, mandi i soldi e non ti arriva l’oggetto oppure ti arriva qualcosa di completamente diverso. Ho dedicato un articolo specifico a questo tema con parecchie indicazioni su come evitare di essere truffati e trovi il link negli approfondimenti.

Le truffe “amorose” dove qualcuno si finge chi non è (uomo o donna) per attirarti in trappola e chiederti dei soldi sono frequenti ma si innescano su Facebook per spostarsi poi su altri mezzi; negli approfondimenti ci sono un po’ di esempi.

Truffe camuffate da annunci di lavoro

Gli annunci di lavoro attirano parecchie persone ma nessuno cerca collaboratori su Facebook, se non in rarissimi casi, e la maggioranza degli annunci che vedi hanno delle caratteristiche che le rendono facilmente riconoscibili. Segui questi consigli per evitare di cascare in una di queste truffe:

  1. Evita i lavori che sembrano troppo belli per essere veri. Se ti offrono 2000 euro al mese per lavorare 1 ora al giorno, è palesemente un’offerta ridicola. Questo non significa che non sia possibile guadagnare anche di più lavorando anche di meno, ma nessuno cerca un dipendente non qualificato a cui dare un compenso simile.
  2. Fai una ricerca sul datore di lavoro. Informati bene su chi sia l’azienda e, magari, contattala direttamente per informazioni.
  3. Segnala gli annunci che richiedono un pagamento anticipato. Se ti chiedono di pagare prima di lavorare è al 99,9% una truffa. Chi dice di dovere sostenere spese come spese per la candidatura, spese per le verifiche dei trascorsi personali, spese per la prenotazione del colloquio, spese relative al selezionatore, spese per la formazione, spese per la riscrittura o formattazione del curriculum e ti chiede un rimborso prima, segnala subito l’annuncio a Facebook.
  4. Fai attenzione ai lavori di spedizione da casa. Devi ricevere e rispedire dei pacchi che probabilmente saranno rubati o acquistati con credenziali rubate o false. Ci andresti di mezzo anche tu a livello penale.
  5. Non dare mai nessun dato personale o sensibile. Se ti chiedono copia dei documenti da allegare al curriculum, potrebbe trattarsi di un furto d’identità. Non dare mai nessun documento se chi te lo chiede non è legittimato a farlo.
  6. Non effettuare transazioni finanziarie per conto di un datore di lavoro. Azioni come trasferire fondi, accettare denaro, cambiare assegni che compi tu di persona potrebbero portare a una tua incriminazione per qualsiasi tipo di reato. Non accettare mai di fare cose del genere.

Truffe pubblicità su Facebook

Ma c’è un tipo di truffa che Facebook non menziona sulla sua pagina dedicata alle truffe e non la menziona perché, pur senza volerlo, ne è parte attiva. Sto parlando degli annunci pubblicitari truffa o sponsorizzate truffaldine.

Su Facebook trovi le sponsorizzate o annunci pubblicitari che sono sostanzialmente delle inserzioni pubblicitarie di prodotti o servizi di varia natura che ti portano fuori da Facebook, sul sito del venditore, per perfezionare l’acquisto.

Intendiamoci, non tutte le sponsorizzate sono truffe – anzi sono una minoranza – e Facebook non può sapere a priori se quella pubblicità è una truffa o meno, però quando le segnalazioni si susseguono e sono parecchie, allora Facebook deve eliminare subito l’inserizione e, se non lo fa, è responsabile delle truffe a tutte le persone che ci sono cascate. 1 o 5 segnalazioni negative possono anche non essere probanti, ma se le segnalazioni sono migliaia allora Facebook si deve muovere immediatamente.

Qui c’è anche un conflitto di interessi perché Facebook si fa pagare per fare le pubblicità e quindi eliminandole ci rimette dei soldi, ma se non le elimina i soldi ce li rimettono le persone truffate.

Ecco un esempio di sponsorizzata

sponsorizzata sospetta
sponsorizzata sospetta

che, da quello che ho letto, sta ricevendo molte segnalazioni di persone che non hanno ricevuto nulla o hanno ricevuto materiale diverso da quello raffigurato. Però la pubblicità gira in continuazione. Se noti, in alto accanto al nome dell’azienda, c’è scritto Sponsorizzato che è appunto un’indicazione che quella è una pubblicità.

Ecco alcuni dei commenti trovati in rete relativamente a questo Setrouy.

commenti dei truffati
commenti dei truffati

E quando questi commenti sono veramente tanti è palese che c’è qualcosa che non va ma, nonostante stia seguendo la cosa da parecchio tempo, la pubblicità viene mostrata in continuazione.

Altro esempio è la pubblicità che mostra, per esempio, la falsa criptovaluta di Amazon o Apple (che non esiste assolutamente) ma che, chissà come mai, continua a girare su Facebook nonostante sia palesemente una truffa e nonostante tutti i sistemi di controllo e approvazione di Facebook. Viene da pensare…

Setrouy, Charterou, Nutorslosnd e altri

Di esempi come quello di Setrouy ce ne sono tantissimi altri e anche se non ci sono le prove che sia una truffa, su Facebook e internet in generale abbondano le segnalazioni di persone che sono state truffate nel senso che hanno pagato per qualcosa che non è mai arrivato oppure per della merce completamente diversa da quella che hanno ordinato e pagato.

Gli strumenti per capire se un sito è una truffa o è legittimo li ho dati in altri post che trovi negli approfondimenti. Il fatto che ci sia una pubblicità su Facebook non significa nulla; basta pagare e Facebook mette la pubblicità solo che la maggior parte delle volte si accanisce inutilmente su persone che fanno pubblicità di cose oneste e poi lascia passare pubblicità e sponsorizzate che puzzano di truffa lontano un chilometro. Merce contraffatta, siti truffa, prodotti o servizi inesistenti, ne ho viste di ogni passare da Facebook e ho smesso di domandarmi perché esistano e perché Facebook non faccia nulla, ognuno ci può arrivare da solo.

Approfondimenti

Se vuoi essere in grado di capire il metodo per riconoscere subito se un’email è pericolosa e vuoi apprendere anche i metodi segreti che usano gli esperti per farlo in tempo reale, acquista il libro Manuale di Autodifesa Digitale e nessuno potrà più ingannarti!

Dai un voto all'articolo

Come evitare le truffe su Facebook Truffe su Facebook, come evitarle ti spiega in modo semplice e chiaro come riconoscere ed evitare qualsiasi tipo di truffa su Facebook. Le truffe su Facebook non sono solo quelle relative a Marketplace, che è il luogo dove è possibile vendere e comprare oggetti di qualsiasi tipo, ma anche e soprattutto le inserzioni sponsorizzate o …

Come evitare le truffe su Facebook Leggi tutto »

5 1 5 1
5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll to Top