Truffa Facebook Marketplace

Purtroppo anche Facebook Marketplace abbonda di persone poco serie e truffatori. Vediamo come sventare la truffa Facebook marketplace.

Truffa Facebook Marketplace
Truffa Facebook Marketplace 2

Cos’è Facebook Marketplace

Il marketplace di Facebook è una sezione di Facebook dove chiunque può vendere o comprare qualsiasi cosa. Ci sono tante persone oneste e corrette, penso la maggioranza, ma anche tanti poco onesti oppure che sono sul marketplace solo allo scopo di truffare altre persone.

Sappiamo che le truffe sono sempre esistite ma prima erano di più difficile realizzazione mentre oggi, con il digitale e internet che permettono l’anonimato, risultano molto più semplici purtroppo.

Come funziona Facebook Marketplace

Sul marketplace puoi cercare quello di cui hai bisogno oppure scorrere tutti gli annunci finché non trovi quello di tuo interesse. A questo punto ti puoi mettere in contatto con il venditore per accordarti su prezzo, condizioni, consegna, ecc. Mandi quindi un messaggio al venditore e, da lì in poi, segue la trattativa, il pagamento, ecc.

Eccoti alcuni consigli importanti per acquistare in modo sicuro su Facebook Marketplace e per non farsi truffare.

Acquistare in modo sicuro su Facebook Marketplace

  1. Fai attenzione agli articoli contraffatti. È pieno di abbigliamento contraffatto dei marchi del lusso e anche di orologi contraffatti. Per gli orologi però il valore elevato rende più difficile un acquisto incauto ma per l’abbigliamento e la moda rischi di acquistare per vero qualcosa che vero non è. Attenzione anche a profumi e prodotti di cosmetica.
  2. Attenzione al tipo di pagamento che utilizzi. L’unico pagamento, anzi gli unici due, che io ammetto per questioni di sicurezza sono la consegna a mano dei contanti oppure il bonifico bancario. Paypal è rischioso perché se qualcuno ti paga, ed è disonesto, può aprire una contestazione e Paypal gli restituisce immediatamente i soldi per poi aprire un contenzioso dal quale non ne esci facilmente. Negli USA esiste anche Facebook Checkout ma qui da noi non è disponibile.
  3. Guarda sempre il profilo del venditore. Se è un profilo appena creato, lascia perdere. Un profilo serio deve avere un certo storico e anche un certo numero di post; se anche non ci fossero molti post, un’account di 5 anni fa è quasi sicuramente vero mentre uno di 10 giorni prima è sicuramente fasullo oppure creato apposta per la truffa. Non ci sono regole certe e sicure ma ci vuole un minimo di buon senso.
  4. Prediligi chi è della tua città o del circondario. In questo modo potrai scambiare il bene a mano e ricevere i soldi in contanti, la cosa più sicura in assoluto. Ho venduto e acquistato parecchie cose ma sempre di persona e non ho mai avuto alcun problema.
  5. Diffida di prezzi esageratamente bassi per beni che vengono definiti nuovi. Il prezzo alletta sicuramente ma altrettanto sicuramente c’è dietro qualcosa di losco.
  6. Non esistono vendite di beni di cui un’azienda deve disfarsi come si vede ancora oggi su televisori o elettronica di consumo. Un televisore o un cellulare a 5 euro è una truffa e basta.
  7. Attenzione ai ritiri via corriere. Anche io sono stato contattato da una persona che mi ha detto che avrebbe mandato un corriere con i soldi per il ritiro. Non esiste alcun corriere che fa questo servizio!
  8. Attenzione ai pagamenti in eccesso. Tu vendi qualcosa da 100 euro e chi compra sostiene di avere fatto un bonifico da 150 euro per errore e chiede di restituirgli i 50 euro. È tutto falso!
  9. Non fidarti degli annunci di lavoro da casa o per poche ore al giorno con compensi spropositati. C’è sempre dietro qualcosa di poco chiaro.
  10. Se accetti un lavoro da uno sconosciuto prima fatti pagare. Se ti dicono che ti pagheranno poi significa che ti faranno fare qualcosa e non vedrai mai i tuoi soldi.
  11. Non dare mai a nessuno per nessun motivo i tuoi dati personali. Un’insieme di dati personali può servire per un furto d’identità.
  12. Non inviare codici che hai ricevuto via SMS o Whatsapp mai e per nessun motivo. Qualsiasi sia la storia che ti raccontano, non farlo mai.
  13. Non pagare mai con ricarica su carte prepagate o altri sistemi strani o poco usuali.
  14. Se fai un pagamento inserisci sempre la causale, il nome e tutti i riferimenti alla persona o al bene che hai acquistato.
  15. Non accettare mai una copia o una foto di una ricevuta di bonifico. Un bonifico è valido solo quando hai fisicamente i soldi sul conto, non prima.

Sono stato truffato su marketplace

Come prima cosa segnala il profilo o l’utente a Facebook e fai una denuncia ai Carabinieri con tutti i dati di cui sei in possesso di questa persona compreso il testo dell’annuncio, tutti gli eventuali messaggi che vi siete scambiati, il pagamento, numeri di telefono o Whatsapp, ecc.

Come recuperare i soldi di una truffa su Facebook Marketplace

Sulla possibilità di avere indietro i tuoi soldi ti dico subito che le possibilità sono molto, molto poche, quasi nulle. Fai la denuncia e segnala la persona a Facebook ma il recupero del maltolto è effettivamente molto difficile purtroppo.

Come segnalare un venditore su Marketplace di Facebook

Segui il link specifico sul sito di Facebook che trovi negli approfondimenti. È importante farlo perché Facebook lo può bloccare, anche se il delinquente ci metterà poco a creare un secondo profilo falso. Purtroppo queste truffe non sono prevenibili in alcun modo perché anche Facebook non può sapere con chi ha a che fare e il delinquente di turno può aprire mille profili falsi che poi smetterà di usare una volta perpetrata la truffa, però una denuncia e una segnalazione è sempre meglio farla.

Nello specifico, segui questa procedura:

  1. Vai su Marketplace.
  2. Tocca un annuncio del venditore che vuoi segnalare.
  3. Tocca il nome del venditore.
  4. Tocca sotto il nome del venditore.
  5. Tocca Segnala venditore.
  6. Segui le istruzioni visualizzate.

Approfondimenti

Dai un voto all'articolo

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su