Dropbox password

Ho sempre sostenuto che avere una password sicura sia fondamentale per evitare un sacco di problemi. Dropbox password arriva nel momento giusto.

Questo servizio era già compreso nei piani a pagamento ma ora hanno deciso di posizionarlo come piano separato e soprattutto gratuito.

Gratuito fino a un certo limite però, perché poi diventa a pagamento. Dropbox password infatti potrà gestire gratuitamente fino a 50 password per un massimo di tre dispositivi contemporaneamente, per esempio un PC, un telefono e un tablet. Lo puoi scaricare gratuitamente all’url indicato negli approfondimenti.

Dropbox password

Per utilizzi da parte di persone che non richiedono decine o centinaia di account differenti su altrettanti servizi, Dropbox Password è sicuramente interessante. La maggioranza delle persone non ha bisogno di più di 50 login differenti su altrettanti servizi, anche se, in effetti, avrebbero potuto portarlo a 100 per avere una maggiore utilità.

Superati i 50 account registrati occorrerà passare al piano a pagamento ma, a questo punto, la lotta si fa serrata con altri prodotti – uno su tutti 1password – che hanno sempre fatto solo questo e lo fanno benissimo. Sicuramente Dropbox includerà i servizi che gli sono propri che, però, non a tutti interessano.

Come per tutti i password manager, anche Dropbox Password permetterà di importare le password che sono state archiviate in Chrome, Firefox, Edge oppure da un file di testo. Quando si accederà a un sito del quale dropbox Password ha registrato le credenziali, queste si potranno inserire automaticamente così l’utente sarà libero da ogni obbligo di ricordarsi username e password.

Le password saranno salvate in formato crittografato così che non ci siano problemi nel caso in cui ci fosse una fuga di dati o qualche server venga compromesso.

C’è una cosa importante da dire però.

Per quanto il password manager sia importante, la cosa più importante è la complessità della password perché il software serve per essere più organizzati e sicuri ed evitare di dimenticarsi qualcosa, ma se poi, quando devi scegliere la password di un servizio, usi password facili o banali, tutta la tua organizzazione non serve a nulla.

Approfondimenti

Dai un voto all'articolo

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su