Email di accesso anomalo

Tempo di lettura: 2 minuti

Per Email di accesso anomalo di solito si intende un’email che ti avvisa che qualcuno ha avuto accesso a un tuo account e che c’è qualcosa di diverso dal solito.

Email di accesso anomalo

Non necessariamente deve essere qualcosa di negativo. Può essere che tu abitualmente accedi a quell’account da un determinato computer e località e che, quella volta, hai acceduto da un altro computer e da un’altra località, cos’ il servizio ti avvisa di questo accadimento.

Chi manda queste email di accesso anomalo?

Accesso anomalo significa di solito accesso con qualche caratteristica diversa dal solito e normalmente questi avvisi ti vengono mandati da servizi di Google o Yahoo o Microsoft per questioni di sicurezza.

Tieni bene a mente una cosa.

Nessuna banca ti manderà mai un avviso di accesso anomalo

La banca non controlla da dove tu ti colleghi né con che dispositivo perché ha tutta una serie di sistemi di sicurezza che, in teoria, dovrebbero superare questi problemi e, soprattutto, se tu hai un conto in una banca e accedi online a questo conto, alla banca non interessa come lo fai e da dove lo fai, quindi non ti manderà alcun avviso.

Questo è importante saperlo perché è uno dei trucchi che usano per truffarti e farti credere che ti hanno bloccato il conto proprio a causa di questo “accesso anomalo”, cosa che non si verificherà mai.

Cosa viene bloccato per problemi di accesso anomalo?

Quello che potrebbe succedere, nel caso della banca, è che se tu sbagli ripetutamente la password, dopo un certo numero di tentativi il tuo accesso verrà bloccato e non potrai più accedere online se non andrai di persona in banca a chiedere nuove credenziali.

Ma attenzione!

Viene bloccato il tuo accesso online, NON il tuo conto corrente!

Questo è importante saperlo perché bloccare il conto potrebbe portare a conseguenze pesanti per te e potrebbe crearti problemi e una banca non lo farebbe mai. Bloccare invece l’operatività online sarà solo un fastidio per te ma viene fatto per la tua sicurezza.

Quindi ricorda

La banca non ti bloccherà mai il conto per una questione di “accesso anomalo”.

Non è un mio convincimento ma una cosa che nessuna banca ha mai fatto né mai farà. Se quindi ricevi un’email da una presunta banca che ti avvisa di una cosa del genere, è sicuramente phishing.

E la carta di credito?

La stessa cosa si può dire anche per le Carte di credito. In genere, se la tua carta viene bloccata per un presunto uso fraudolento, l’emittente non ti manderà mai un’email per avvisarti ma verrai chiamato sui numeri di contatto che hanno per avvisarti di questo fatto, oppure te ne accorgerai perché il pagamento non verrà accettato, ma mai e per nessun motivo, ti verrà mandata un’email dicendoti di cliccare su un link per sbloccare la carta di credito.

Cosa faccio se ricevo email di accesso anomalo?

Innanzitutto leggile per vedere di cosa si tratta.

Nel 99% dei casi saranno email di phishing ma verifica se si tratta solo di un avviso o se contengono un link che ti dice che ti permetterà di sbloccare tutto. In questo caso è quasi sicuramente spam senza possibilità di errore.

Approfondimenti

Dai un voto all'articolo

Email di accesso anomalo Per Email di accesso anomalo di solito si intende un’email che ti avvisa che qualcuno ha avuto accesso a un tuo account e che c’è qualcosa di diverso dal solito. Non necessariamente deve essere qualcosa di negativo. Può essere che tu abitualmente accedi a quell’account da un determinato computer e località e che, quella volta, hai acceduto da un altro computer e da un’altra località, cos’ il servizio ti avvisa di questo accadimento. Chi manda queste email di accesso anomalo? Accesso anomalo significa di solito accesso con qualche caratteristica diversa dal solito e normalmente questi avvisi ti vengono mandati da
5 1 5 4
5

banner manuale di autodifesa digitale

Lascia un commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Disponibile il libro Manuale di Autodifesa Digitale | Come difendersi dal phishing
Manuale di Autodifesa Digitale - il libro